tete à tete: Munch-Schiele

munch schieleQuando il teatro incrocia la pittura e l’arte fa invasione di campo.

Da Sargentini succede di tutto, anche il corpo nudo si tramuta in pittura e la voce  in racconto.

 

La storia della Galleria l’Attico in via Beccaria, la conosciamo bene. Correva l’anno 1969 e Kounellis scioccò il pubblico con i suoi 12 cavalli. Sono passati più di 40 anni e lo spirito provocatorio della galleria è rimasto lo stesso. Anzi si rinnova. Stavolta siamo in via del Paradiso, proprio accanto la cupola di Sant’Andrea della Valle. Nella nuova sede, spazio di sperimentazioni, di performance, esposizioni e spettacoli di danza si susseguono le attività teatrali, già avviate dal 2003 insieme a Elsa Agalbato, che puntualmente riescono a spiazzare gli astanti con abile gioco di luci, magistrale recitazione e il prezioso set.

Fino al 18 maggio si recita a soggetto. Due pittori a confronto: il provocante tete à tete tra Schiele e Munch, interpretato da Rigillo Ninchi e Censi, è assicurato.

Le due brevi pièce, di 15 minuti ciascuna, ripercorrono con un plot da teatro dell’assurdo, la vita e la pittura dei due artisti espressionisti. Si parte con un pezzo su Munch, Quando dipinsi l’Urlo, già rappresentato qualche anno fa.

Buio. Si apre il sipario. Nello sfondo è l’Urlo, stilizzato a parete che come fauce pantagruelica respira affannosamente, sputa fuori e risucchia il pittore stesso. Sdraiato, l’attore (ha accanto una tetra figura di donna, la morte) racconta i suoi tormenti, la divorante malattia, l’espressione nella ricerca di vita nell’arte, tutto è reso attraverso le drammatiche parole (ricavate dai diari) di quando Munch dipinse l’Urlo. Come una maschera scheletrica, oscura incarnazione di forze misteriose e spaventevoli, il pittore norvegese, dallo stile tagliente e angoloso, interpretato da Ruben Rigillo è un’orrida figura dagli occhi sbarrati e il viso esangue.

“Camminavo lungo la strada(…) e sulla città c’erano sangue e lingue di fuoco, tremavo di paura e sentivo che un grande URLO pervadeva la natura “

Con quest’opera, trafugata nel 2004, Munch irrompe sulla scena pittorica europea con una violenza tale da destare scalpore per le laceranti contraddizioni del contesto politico e intellettuale della Belle Epoque.  E il grido è l’immagine disperante di questa crisi, è l’urlo di chi si è perso, dello spleen, del tragico incombere della morte.

Buio. Applausi.

Si riapre il sipario. Una prigione: da dietro le inferriate un corpo maschile è scaraventato per terra verso di noi. Il secondino scompare. L’attore è solo e nudo. Senza speranza, inizia il racconto, e le mura tristi della sua cella si trasformano in quadri. Compaiono uno dopo l’altro i celebri, scandalosi, autoritratti, proiettati a parete prendono corpo sul corpo dell’attore Pino Censi, che qui interpreta un pezzo su Egon Schiele, Vive morendo ogni cosa.

Poi. Si apre la cella. Un altro corpo, lanciato sul pavimento. È la ragazza taciturna, una delle modelle per cui Schiele finisce in carcere con una denuncia per corruzione di minori. Il tribunale stabilisce che l’accusa è falsa, il pittore austriaco innocente. La sua vita però non è irreprensibile, conduce uno strano stile di vita (fa posare giovani donne nude) così la pubblica accusa alla fine lo incarcera comunque perché le sue illustrazioni pornografiche sono troppo facilmente accessibili.

Di Schiele che viene chiamato alle armi allo scoppio della I guerra mondiale, sappiamo che durante la quale continua a lavorare assiduamente. Negli ultimi mesi del conflitto si sparge un’epidemia di febbre spagnola che porta via la moglie e dopo tre giorni anche lui. Egon ha 28 anni.

In scena, una ragazza passa in rassegna l’ultimo nudo di donna. Un uomo di spalle, dirige l’asta. Fior di quattrini. 1, e 2 e 3.Venduto

Buio. Applausi.

Tutto è industria, mercato. Anche il dolore, anche l’arte.

Buio.

OGGI ONLINE SU EXIBART

http://www.exibart.com/notizia.asp?IDNotizia=42366&IDCategoria=1

 

This entry was posted in ARTE CONTEMPORANEA. Bookmark the permalink.

One Response to tete à tete: Munch-Schiele

  1. anna says:

    QUESTA RECENSIONE è STATA AMPIAMENTE APPREZZATA DAL DIRETTORE DELLA GALLERIA L’ATTICO, FABIO SARGENTINI, CHE MI HA POI CONCESSO L’INTERVISTA PUBBLICATA SULLO SPECIALE DI EXIBART

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *