Giacometti: dialoghi alla Borghese con Bernini, Canova e l’antico

 

paolina borghese  femme avec Paulette

Il mito della scultura. Giacometti testimone moderno della statuaria nella Galleria Borghese

L’opera di Alberto Giacometti, i suoi bronzi, gessi e i disegni, emergevano come mito da quella “foresta di statue” greco romane, illuminate da un riflettore di nuova attenzione, al di là dell’antichità. Lʼesperienza della mostra dei “Borghese  e lʼAntico” accendeva un desiderio fino a quel momento sconosciuto alla Galleria: la necessità di richiamare a quel punto la tragicità della scultura di epoca moderna, perché la modernità è sostanzialmente tragica e di una tragedia che emana dallʼinterno dellʼindividuo e dalla sua condizione esistenziale. E il nome che emergeva da questo sentimento comune di reazione alla popolazione di scultura antica e barocca offerta dalla scena della Galleria era quello di Giacometti…

(estratto da Presentazione della mostra di Anna Coliva)

tete qui regardeGIACOMETTI femme qui marche sala egiziaGIACOMETTI bustola main

Questa voce è stata pubblicata in ARTE CONTEMPORANEA, CLASSICI LOST IN ROME. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Giacometti: dialoghi alla Borghese con Bernini, Canova e l’antico

  1. anna scrive:

    A BREVE UN ARTISTA DI ROMA IN VISITA ALLA MOSTRA CON LA MIA GUIDA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *