Giacometti: dialoghi alla Borghese con Bernini, Canova e l’antico

 

paolina borghese  femme avec Paulette

Il mito della scultura. Giacometti testimone moderno della statuaria nella Galleria Borghese

L’opera di Alberto Giacometti, i suoi bronzi, gessi e i disegni, emergevano come mito da quella “foresta di statue” greco romane, illuminate da un riflettore di nuova attenzione, al di là dell’antichità. Lʼesperienza della mostra dei “Borghese  e lʼAntico” accendeva un desiderio fino a quel momento sconosciuto alla Galleria: la necessità di richiamare a quel punto la tragicità della scultura di epoca moderna, perché la modernità è sostanzialmente tragica e di una tragedia che emana dallʼinterno dellʼindividuo e dalla sua condizione esistenziale. E il nome che emergeva da questo sentimento comune di reazione alla popolazione di scultura antica e barocca offerta dalla scena della Galleria era quello di Giacometti…

(estratto da Presentazione della mostra di Anna Coliva)

tete qui regardeGIACOMETTI femme qui marche sala egiziaGIACOMETTI bustola main

This entry was posted in ARTE CONTEMPORANEA, CLASSICI LOST IN ROME. Bookmark the permalink.

One Response to Giacometti: dialoghi alla Borghese con Bernini, Canova e l’antico

  1. anna says:

    A BREVE UN ARTISTA DI ROMA IN VISITA ALLA MOSTRA CON LA MIA GUIDA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *