Calendario d’Autunno 2012

 “Visita Guidata *Romanzata alla mostra di Vermeer”
 ultimo week end di novembre (evento passato)
PROSSIMA VISITA IL 15 DICEMBRE
App.to il 15 Dicembre orario da definire, all’ingresso delle Scuderie del Quirinale.
La nostra visita offre qualcosa in più al visitatore: informazioni, aneddoti su Vermeer e sul falsario del pittore, sulla sua famiglia e sulla verità circa la ragazza con l’orecchino di perla(purtroppo non presente in mostra)..storie curiose e intriganti che ci faranno conoscere e amare questo artista che ha dipinto pochissimo ma in modo eccezionale un’Olanda,che dopo questa mostra,saremo spinti di andare a ri/vedere!

PASSEGGIATE ROMANE

 “Passeggiando tra le Piazze di Roma”:da Piazza Navona a Piazza Trilussa passando da Piazza Campo dei Fiori e  Farnese” racconti sulla storia di Roma tra l’antico e  le vicende della Roma papalina fino a quella umbertina del poeta di Roma”
 GIORNATE DEL PATRIMONIO (evento passato)
 Visita speciale ai capolavori della Galleria Nazionale d’Arte Antica” e Guida ai capolavori di Palazzo Barberini, sontuosa residenza del papa Urbano VIII, scrigno architettonico edificato dai più grandi architetti del tempo:Bernini e Borromini.

PASSEGGIANDO CON GLI IMPERATORI”DA NERONE A TRAIANO” passeggiata dal Colosseo ai Mercati di Traiano. Racconti delle gesta degli imperatori  Nerone, i Flavi, Cesare, Nerva e Traiano”

 “TIZIANO: IL PITTORE SOMMO DEL SUO TEMPO”

Febbraio –giugno 2013   Dopo molti anni finalmente le Scuderie del Quirinale propongono una mostra antologica per evidenziare l’intero arco d’attività di quello che è universalmente riconosciuto come uno dei massimi interpreti del Cinquecento europeo. Iniziando dai primi capolavori compiuti nelle botteghe di Giovanni Bellini e Giorgione, si potrà seguire il percorso umano e artistico di Tiziano fino alle ultime, struggenti tele.  Tiziano esordisce a Venezia all’inizio del Cinquecento con una pittura straordinaria, incurante delle norme già scritte. E’ la saturazione del colore a suggerire la profondità e le distanze che si ricostruiscono come un mosaico, a piccole macchie o per tocchi e sfregature di pennellate, impercettibili segni in grado di riverberare le emozioni dei personaggi. Con il passare degli anni le tinte si smorzano, i colori si velano e calano sempre più le tenebre per giungere a un Tiziano che, alla fine della vita, dipinge per lo più con le dita, mescolando i colori sul supporto, in composizioni caratterizzate da una struggente spiritualità e da una spiccata teatralità.  Indifferente alle mode e ai movimenti artistici, attento soprattutto alla verità emotiva delle sue figurazioni, Tiziano sarà consacrato agli occhi del mondo come il pittore sommo del suo tempo e il ritrattista di tutti i potenti del mondo. Si tratterà di una grande mostra, quindi, posta a suggello del decennale percorso dedicato dalle Scuderie del Quirinale ai protagonisti veneti della rivoluzione pittorica moderna – da Antonello da Messina a Giovanni Bellini, da Lorenzo Lotto a Tintoretto – che ha consentito di riportare all’attenzione degli studi e del grande pubblico il ruolo cardine di Venezia per il rinnovamento della cultura italiana ed europea.

 

 

 

 

This entry was posted in CLASSICI LOST IN ROME. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *